giovedì 7 agosto 2008

Solo.

Io, volevo solo nuotare.

Volevo danzare. Leggero, fluido, senza peso.
Volevo avvilupparmi come tralcio d' uva fra le correnti.
Volevo la pelle d' oca. Volevo i brividi.
Volevo il tocco che scorre freddo.
Volevo riparo, dal calore che brucia, in un agosto senza nuvole, senza vento.
Volevo sentirmi salato, sapere che ci sono, vivo, leccandomi un braccio.
Volevo il mare mio.

Solo mio.
...

Là, dov' ero, non si butta nessuno.
Porta male, porta grane, porta malattie, malanni: sei morto e non lo sai.

Io mi sono buttato.

Per un momento solo, un attimo silenzioso, un istante fermato nel tempo, ho goduto.
Sono stato bene.

Non avevo vestiti. Non avevo denti, non avevo grasso addosso, solo ossa macinate, pelle arida e macchiata.
Il mio mondo era nascosto. Dentro un arbusto basso e seccato.
Pochi avanzi di stoffa senza nome, pagine cotte al sole di giornali letti e non capiti, foglie e stoppie ad accogliere la schiena nel buio.

Mi sono buttato.

So che mi apriranno, mi taglieranno, frugheranno dentro le mie viscere e nel sangue raggrumato, per trovare un come, per buttarmi senza nome ma con un perchè.
Un perchè innocente, un perchè di attenzione, un perchè di scuse...

Innocenti, colpevoli, santi, assassini: mai conosciuta giustizia e mai invocata.
Mai creduta. Mai pensata. Mai attesa.

Mai voluta.

Io, volevo solo nuotare.

Volevo danzare come re delle onde. Volevo librarmi senza più pesi. Volevo prendere fresco, senza chiedere niente.

Solo al mare, sì, di fronte ai mei occhi.


In memoria di un senza nome.
Ripescato ieri, a pochi metri dalla riva del lungomare di Taranto.


Mara

Etichette:

19 Commenti:

Anonymous Anonimo ha detto...

E' terribile, Mara...
Mi sono venuti i brividi...

La giustizia invece io me l' aspetto! Troppo poca ce n' è nel mondo!

Un bacio.

Mina C.

7 agosto 2008 17:50  
Blogger Mara ha detto...

@Mina C.: Sì, mia cara, e fai bene a volerla!
Anche io mi aspetto giustizia! E più, guardandomi intorno, la vedo venir meno e sopraffatta, e più con tutta la rabbia che ho dentro la invoco!

Il mondo è molto ingiusto.
Pensa a ciò che avviene in Cina... Pensa alla nostra pallavolista Aguero che rischia l' arresto a Cuba pur di visitare, ad anni dalla fuga, la madre morente...
Pensa al provvedimento Alemanno(per ora bloccato, a seguito delle proteste della Comunità di S. Egidio) sul divieto di rovistare nei cassonetti...
Pensa alla storia tragica della transessuale seviziata e uccisa a Milano da due antisociali imbottiti di coca...

Pensa a ....

E' un elenco infinito.

Per questo si DEVE PRETENDERE GIUSTIZIA! Senza stancarsi, senza arrendersi, ognuno a suo modo e come può.

Ti abbraccio forte.

7 agosto 2008 18:16  
Anonymous Anonimo ha detto...

...mentre io volevo..un gabbiano osservava..e mentre io desideravo i pesci stavano ad ascoltare...
e io volevo non pensare a chi mi stava intorno..volevo egoismo...volevo solo volevo...ed ora ne voglio di più.
Romina
p.s. n'amma vede un di sti giurn?mena me :D

7 agosto 2008 20:56  
Blogger Mara ha detto...

@Ro: LOL!!!

:D :D :D :D :D :D :D :D :D

Ro, se non ci fossi...
Sei fantastica, giuro!!!

(E grazie per i bei versi!)

Sabato scende Andrea, magari riesco a farvelo conoscere!

Ci sentiamo!

Baci e saluti al mitico Mimmo!

; )

7 agosto 2008 21:17  
Anonymous Anonimo ha detto...

Mara mia, ciao! Ho scoperto che posso scriverti dal palmare, che piacere in questi giorni caldi e lenti...trovarmi costretta alle stampelle, io che per definizione sono "come l'Aria" un pò mi sconforta!! Comunque, bando alle lamentele...ho tempo per leggere due quotidiani al giorno, giornali e libri, un lusso insomma. Ieri non ho potuto che leggere tante tristi notizie di cronaca (e relativa repressione di problemi sociali che non si possono soffocare, perchè il fuoco continua a covare sotto la cenere, Alemanno & Co. non lo dimentichino: servono educazione, dialogo e certezza della pena!) e più di tutto mi ha colpito D on Egidio che si chiede in che cosa ha sbagliato con quel ragazzo marocchino...magari tutti avessimo fede e coraggio come lui! Più tardi ripasso, Arietta

8 agosto 2008 08:57  
Blogger Mara ha detto...

@Aria: Aria mia dolce,
che gioia trovarti qui stamattina!
E che spirito forte, hai! Cogliere il positivo e di lì partire: sembra il "segreto di Pollyanna", in realtà, spesso, è davvero la base per non arenarsi e per scoprire nuove risorse!

Ti capisco bene: ha colpito molto anche me la vicenda di Don Rigoldi...
Quando si lavora per il recupero, si fanno i conti 8-9 volte su 10 con i fallimenti... E ci si interroga, ci si chiede dove è stato l' errore, cosa poteva essere fatto diversamente. Ci si sforza, anche, di non addossarsi colpe ma talvolta non ci si riesce... La verità è che quando si lavora con le persone, non si stacca mai completamente, vengono a casa cone te, a cena, in palestra e, di sicuro, al cinema o a teatro o leggendo un libro: quando cioè si aprono spazi alla riflessione.
Scusami mai dolce, ho divagato, ma so che puoi capirmi.
So anche che non hai bisogno dei miei incoraggiamenti perchè hai le risorse per sostenerti da sola, ad ogni modo ti mando un bacio -simbolicamente- alla pappa reale!

; D

8 agosto 2008 11:35  
Anonymous Anonimo ha detto...

si era affacciato dalla prima lettura, bulgara(?), il dubbio che il tuo mare principale fosse la poesia. Sembrano arrivarmi conferme. Resto nel dubbio. Che è poi il mio stato preferito.

E poi, ma non tanto poi, mi piace attingere alla tua capacità di indignazione, che da tempo mi è difficile mantenere sufficientemente viva.

ciao Mara

Stefano

8 agosto 2008 14:48  
Blogger Mara ha detto...

@Stefano: il tuo commento, caro Stefano, mi colpisce molto, non solo perchè proviene da te che sei uno scrittore, ma anche perchè si origina dalla lettura di Raina (il racconto bulgaro), che mai avrei detto avesse un linguaggio poetico...

Il fatto della scrittuta poetica ricorre spesso fra i lettori del Blorum, in particolare rispetto ai miei primi post.
Non è una cosa cercata, nè voluta, è solo che amo la musica delle parole, i loro intrecci, le combinazioni creative.

Quanto alla tua natura fatta di interrogativi e di dubbi, si tratta di una condizione preziosissima: connaturale a scrittori e counselor. Dunque, nel dubbio, direi che hai saputo trovare, in modo ammirevole, la tua strada.

A presto, caro Stefano e grazie.

: )

8 agosto 2008 16:27  
Anonymous Anonimo ha detto...

hai ragione: mi sono fidato della memoria, e lì a quanto pare erano rimasti mischiati brani - poesia, per me - di alcuni tuoi post con Raina, che invece è un racconto-racconto.
A proposito: ho appena finito di leggerli tutti. Te ne dirò con calma.

Intanto ti voglio ringraziare per "Nina", che mi ha commosso. Per quello che scrivo io, non vorrei sentirmi dire niente di meglio.

9 agosto 2008 12:04  
Anonymous Anonimo ha detto...

Davero l'hai trovata in spiaggia?

9 agosto 2008 13:49  
Anonymous Anonimo ha detto...

Mara è bello leggerti...
un bacio monnymonny

9 agosto 2008 14:07  
Anonymous Anonimo ha detto...

Il sapore della vita è saper trovare ancora ogni giorno un ottimo motivo per viverla! Nonostante le brutture e le ingiustizie che questo mondo ci offre, che troppo spesso ci indignano e che poi finiscono lì..

Ciao Mara.. Buon wend!
ElenaGT

9 agosto 2008 15:56  
Blogger Mara ha detto...

@Stefano: grazie caro Stefano, il tuo parere da esperto e di lettore, mi rende molto, molto felice.

Buon weekend!

9 agosto 2008 20:17  
Blogger Mara ha detto...

@L' Imperatore: Imp, che bello vederti!!!

No, caro Imp, si tratta di una notizia di cronaca locale. Ma c' è stata un uomo che, davvero, ha visto il corpo galleggiare e che l' ha trascinato verso la riva... Di lui, chiunque sia, ho ammirato molto il coraggio e la partecipazione umana ad una vicenda tragica...

Imp, hai postato ancora? Ora corro a vedere.

Manchi a tutti troppo!!!

9 agosto 2008 20:24  
Blogger Mara ha detto...

@MonnyMonny: Monny dolce, che bello che ci sei!!!

Ciao Stella di Ischia, porti sul Blorum il colore del tuo mare.

Un bacio!

9 agosto 2008 20:34  
Blogger Mara ha detto...

@ElenaGT: Elena mia cara, sei proprio tu, con la forza, la combattività e l' energia che ti contraddistinguono!
Non molli mai, non ti arrendi mai, non ti compiangi e vai sempre e comunque avanti.

Non si può che ammirarti.

Un bacio grande e grazie di essere passata!

9 agosto 2008 20:43  
Anonymous Anonimo ha detto...

Wow!! Che bel commento di buongiorno che mi leggo stamattina!
Ho fatto proprio bene ad accendere il pc e passare a trovarti..

Grazie Mara! Ammirazione reciproca!..

ElenaGT

PS. Vedi, anche questo per me è un piccolo ma piacevolissimo evento!

10 agosto 2008 09:38  
Blogger Mara ha detto...

@ElenaGT: Un sorriso e un bacio di buona domenica, Elena cara!!!

; ))))))))))))))))

10 agosto 2008 10:31  
Anonymous Anonimo ha detto...

Un prosa poetica triste: d'altro canto non poteva essere diversamente considerato il grave accadimento.

Il mondo è votato all'Oscurantismo or come ora: da una parte il più bieco fascismo, dall'altra l'altrettanto grave stalinismo (vedi Cuba e anche la Cina - ma quest'ultima accoglie tutto il peggio del capitalismo e dello stalinismo).

Non sono ottimista: la società ha preso una deriva cinica, più o meno in ogni paese che fino a qualche decennio or sono veniva indicato come modello di civiltà e democrazia.

Beppe

10 agosto 2008 12:38  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page