venerdì 30 maggio 2008

Sete di conoscenza.

Sarò nata curiosa?
Sarò stata mai la bambina dei decisi perchè?
Avranno frullato nella mia testa vaga, amalgami di domande, gruppi di "come", misture di punti interrogativi colorati?

Su due piedi, a occhio e croce, così, dico di no.
E per un attimo ne sono sicura.
Poi però arriva il pesce. Sì, il pesce.

Ed è lui che mi fa abboccare a qualche dubbio...

Quando dico pesce, in realtà, parlo di quello della piazza, la piazza F. del mercato cittadino.
Quel pesce che, al tempo dei miei cinque, sei, otto anni, era esposto sulle bancarelle, estate e inverno, senza ghiaccio, alla faccia di qualunque pulita sterilità.
L' igiene era un lusso per stomaci deboli, evidentemente, e ai rudi pescatori certe mosse dovevano sembrare cose per molli di tempra.

Ad ogni modo, questo pesce, arrivato mezzogiorno, e rimasto invenduto, oggi mi domando che fine facesse, poichè l' odore non era più di mare, ma acido, vicino all' orina, o all' acqua salmastra marcita, quella che sotto il sole, lascia l' alone di sale sugli scogli, dopo la mareggiata di due giorni prima...

Per tornare in tema, senza divagare troppo -cosa assai difficile pensando all' infanzia...-, riporto quello di cui ho scarsa memoria, ossia che, in piazza, il giorno della spesa in cui riuscivo a farmici portare, prima di tornare a casa, quel pesce io lo DOVEVO TOCCARE.

Non c' era verso. Non c' erano colpi sulle dita; rimbrotti; urlatacce; raccomandazioni di sicurezza; occhiate con bulbi sporgenti fuori dalle orbite; niente di niente da fare.

La vista di quei corpi sul legno del bancone mi chiamava cantando verso un punto preciso: l' addome, il ventre liscio argento chiaro, la parte più umile, fragile, debole. Merce esposta.
Quella che sarebbe finita tagliata con forbice per ripulire la cavità dalle viscere.

Proprio la pancia, la pelle sottile, la vulnerabilità nella morte, io volevo sentire al tatto.

Così toccavo.

Se riuscivo a sfuggire per un attimo, prendevo il pesce in mano. Per soppesarlo.
Quanto è il carico, su una piccola mano carnosa, di un pesce misura standard da banco?

L' occhio era acquoso, la bocca aperta, le branchie rosse. Le squame trasparenti e appuntite. Inutili difese.
Nessuna ferita visibile.

Oggi mi intristisce il pensiero di quelle carni molli.
Allora assolutamente no. Nessuna piccola pietà.
Solo la curiosità del toccare con mano.

Così eccoci tornati al punto di partenza. A parlare di curiosità.

Oggi so di per certo di essere una persona assetata di conoscenza e di avere sempre voglia di nuove cose. Non sono mai stanca e cerco, studio, imparo. Conosco e spesso dimentico.

Ho la curiosità non dei perchè ma dei come. Dei come a...
Mi interessa la conoscenza da asservire all' esperienza. L' attività della mente per la produzione del movimento.

Mentre scrivo, mi domando se valga in assoluto, per me, quanto affermo...
Forse.

C' è in me qualcosa per cui la carne aspetta ancora che l' immaginazione si traduca in pressione di un dito sulle squame.

Mara

http://www.cicorivoltaedizioni.com/cicorivoltaedizioni_leggimi_nei_pensieri.htm
http://www.qlibri.it/narrativa-italiana/racconti/leggimi-nei-pensieri/

Etichette: ,

5 Commenti:

Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao,mi sono imbattuta per caso nel tuo blog e questo breve spaccato sulla tua infanzia, in questo giorno per me intriso di ricordi, mi ha riportato alla mente la mia.A me la morte ha sempre fatto paura.Fuggivo tutto ciò che potesse in qualche misura ricordarmela e mi nasondevo nella mia grotta, sperando che non mi trovasse.Ma più ne avevo paura, più questa si annidava in me e mi marciva nel ventre. A 24 anni il puzzo era talmente forte che chiunque mi vedesse faticava a trattenere le lacrime.Sono viva per miracolo.E questa è per me giornata di memoria in cui ringrazio Dio per avermi chiamato ad una nuova esistenza, dandomi un ' altra possibilità.
Ringrazio anche te Mara per questo bellissimo post capace così tanto di evocare ricordi e suscitare emozioni.Sei davvero brava, le tue parole creano mondi, universi pieni di suggestioni,quasi un' epica del quotidiano.
Grazie, Cornelia

30 maggio 2008 21:28  
Blogger Mara ha detto...

Cara Cornelia,

grazie infinite per il tuo commento. E' prezioso per me, come sono preziosi i sentimenti e i ricordi che hai voluto condividere. Credo profondamente che a tutti, nella vita, siano date delle nuove occasioni; la specialità, spesso, è nel riconoscerle tali e nel non farle andar via senza averle prima prese su di sè. Sono felice che la tua vita dimostri questa specialità.

Ti aspetto ancora qui.

Mara

31 maggio 2008 12:43  
Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao Mara passavo per un saluto. Ho letto di te da Pat e sono rimasta colpita. Mi pare di averti vista anche su sky quando c'era la nostra Princy. Un bacio

31 maggio 2008 23:47  
Anonymous Anonimo ha detto...

è sempre bello leggerti..baciii
pat

3 giugno 2008 10:28  
Anonymous Anonimo ha detto...

CIAO MARA, NON SO COME MI SONO RITROVATO DENTRO IL BLOG MA VE BENE LO STESSO.
SALUTI DA SHARM

8 giugno 2008 17:14  

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page